PROFUMI DIVERSI D’ESTATI DIVERSE – di R.Mancini

 
L’album dei profumi un giorno sarà forse realizzato da una tecnologia d’avanguardia; ma, per ora, un laboratorio estremamente evoluto ce lo portiamo dietro nei meandri del nostro cervello, immensi quanto tante infinite galassie di cui non si intravedono neppure i bordi.
Da là, in fondo, da qualche parte, risalgono ben definiti certi odori di certe estati di tanto tempo fa in cui la stessa aria aveva un altro sapore, ben distinta e distinguibile già da quando, con la pagella in mano, saltavi a due per volta i gradini del portone della scuola elementare correndo verso casa dove sapevi che la prima “divisa” di libertà erano quei sandaletti francescani a due fasce che in Villa , pedalando di buona lena o rincorrendo col bastoncino il tuo cerchio di legno, avrebbero accolta un po’ della polvere del terriccio che la ricopriva tutta, lasciando solo alle aiuole il compito delle fragranze di un giugno caldo e promettente, senza sbalzi ed imprevisti di tempo che cominciava ad addolcire l’aria tutta all’intorno, vie della città comprese con i loro odori di sugo e cucina, di fiori ai balconi e di panni stesi ad ingrandire la festa del bel tempo ormai consolidato.
Così poche le macchine che un’intera azione di calcio poteva svilupparsi da porta a porta nella via e rimettersi in gioco ancora quasi per un’altra azione completa salvo accostando al marciapiede, solo un momento, che passasse quel vecchio millecento che se ne andava lento verso il suo solito posteggio, là in fondo alla via.
Si portava in Villa il pane per i pesci rossi della grande vasca centrale ed il sapore dell’acqua della fontanella era accresciuto dalla gran sete che t’era venuta rincorrendoti con tuo fratello o avendolo sottoposto a delle briglie perchè facesse bene il suo compito di cavallo dello sceriffo.
Gioco delle lattine al sedile rotondo in pietra, nascondino dove siepi e tronchi offrissero momentaneo riparo prima delle scatto finale, con quel “l’ultimo libera per tutti”, piccole bici con traballanti rotelle posteriori che affossavano dove maggiore era il bricciolino e poi un giorno, finalmente, l’automobile a pedali.
Grande, immensa, di metallo, pesante e, a guardarla bene, di poco differente dalla tinozza di metallo dei panni della terrazza con mamma che saliva a stendere. Ma pur sempre un’automobile; bastava essersi fatti i polpacci ben allenati ed evitare i mucchietti di bricciolino più grandi per non raddoppiare la già grande fatica.
Ed i fiori delle aiuole avevano il loro bravo villiere che li innaffiava ogni mattina e il rastrello raccoglieva foglie e ghiande ammucchiandole da parte per poi pulir bene per il passeggio serale cittadino.
Ma si può, mi chiedo, avere ancora oggi, a mezzo secolo di distanza, l’esatta ed indimenticata percezione di quegli odori di giugno che poi diventavano più incisivi e corposi in luglio ed erano ancora più amabili in un agosto di iodio e salsadine di una Marinella da favola e di una Tonnara che ad essa contrastava anno dopo anno il primato della frequenza balneare?
E tutto si chiudeva con l’odore delle cartolerie che sapevano di chiuso e di libri, di cartelle e quaderni neri che ci avrebbero riportati in classe pur nelle altre attese di odori altrettanto speciali come il Natale e la Pasqua.
Altro che Album degli Odori da una sintesi chimica del futuro. L’Archivio dei profumi è sempre aperto: basta chiedere e tutto arriva puntuale come da una grande Biblioteca. Nessun limite per la riconsegna!

Programma ufficiale uscita “Le Castella & dintorni”

Le Castella - ©Giancarlo Parisi

Le Castella – ©Giancarlo Parisi

Come già anticipato, Imagorà è lieta di annunciarvi il programma ufficiale della prima uscita fotografica “Le Castella & dintorni” in data 1 giugno 2014, ove sarà possibile visitare uno degli scorci più caratteristici della nostra bellissima regione, trascorrendo una giornata in piacevole compagnia del gruppo dei soci e di tutti gli altri partecipanti all’escursione.

Orario e luogo di partenza: 6.45 da Palmi, piazza I° maggio. Chi trovasse scomodo raggiungere Palmi per il raduno, potrà aggregarsi al gruppo successivamente, avendo cura di interfacciarsi telefonicamente con gli organizzatori al seguente recapito telefonico:
Tel.: 380/19 62 348.

Orario di ritorno: serata inoltrata.

Contributo di partecipazione: € 5,00 per i non soci. Trattasi di mero contributo all’attività dell’Associazione, da non intendersi quale quota di partecipazione.

Tempi e modi di adesione: i partecipanti dovranno inviare una e-mail di conferma a: info@imagora.it entro e non oltre il 26 maggio 2014, unitamente alla ricevuta di versamento della quota di partecipazione (da intestare all’Associazione Fotografica Culturale “Imagorà” sul c/c postale n. 001017942283), unitamente al modulo di liberatoria compilato e firmato (scarica qui il modulo). In casi eccezionali sarà possibile consegnare la quota di partecipazione anche lo stesso giorno dell’uscita, salva sempre la previa comunicazione dell’intenzione di partecipare.

Trasporto: è previsto trasporto con mezzo proprio, tuttavia, sarà possibile viaggiare su una delle auto degli organizzatori sino ad esaurimento posti.

ITINERARIO CROTONE – CUTRO – LE CASTELLA
L’itinerario di seguito riportato è indicativo e riporta i luoghi di maggiore interesse e rilievo.
In base ai tempi del viaggio e di effettivo raggiungimento del posto, i luoghi da visitare saranno scelti al momento tra quelli di seguito indicati.
L’ordine di indicazione è corrispondente all’ordine delle tappe, nel senso che inizieremo dall’area di Cutro, per poi raggiungere Le Castella e Isola di Capo Rizzuto al tramonto, quando ci sarà la luce migliore.

CUTRO:
Il paese è rinomato per la produzione del pane di semola di grano, considerato tra i più buoni d’Italia.

  • Torre e Fortino di Chirizzi (entrambi in stato di abbandono)
  • Chiesa Madre (e altre)
  • Villa Margherita (loc. Sant’Anna)
  • Convento Frati Minori
  • Calanchi: basse collinette giallastre che ripropongono lo scenario delle dune del deserto. Qui Pasolini girò alcune scene del film “Il Vangelo secondo Matteo”.

CROTONE:

  • Centro storico della città:  visita a piedi del centro storico con i relativi palazzi, Basiliche e Chiese.
  • Castello di Carlo V e Museo Archeologico Nazionale
  • Area Archeologica di Capocolonna e Santuario di Maria Santissima di Capocolonna
  • Torre di Nao, contenente un Antiquarium con reperti provenienti dai fondali dell’area circostante

LE CASTELLA/ ISOLA CAPO RIZZUTO/ SANTA SEVERINA:

  • Castello Aragonese di Isola Capo Rizzuto
  • “Torre Vecchia” eretta nel XVI sec., contro le invasioni barbariche
  • Santuario della Madonna Greca, protettrice di Isola Capo Rizzuto; visita all’Aquarium*
  • Borgo Santa Severina (edificata al tempo degli Enotri): visita al Castello e alla Cattedrale nelle vicinanze, al cui interno si trova il Battistero risalente al VI-IX sec. (orari: tutti i giorni 9-13/15-20:30)

*A Isola Capo Rizzuto è possibile visitare l’Aquarium**, ubicato nella piazza del Santuario della Madonna Greca, e composto da 22 vasche, al cui interno è stata ricreata la flora e la fauna marina endemica (e non solo).

**Aquarium à orari di apertura:  9.30-13 / 16-20 Ingresso:  4€ Tel 0962-796029 (sconti per gruppi)

E’ altresì possibile esplorare i fondali a bordo di battelli dal fondo trasparente (tel. 0962-795511)

L’itinerario previsto potrà subire variazioni in base alle condizioni meteorologiche e al tempo a disposizione.

Per info, sulla disponibilità dei posti auto o di qualunque altra informazione, contattate Imagorà tramite mail  all’indirizzo di posta elettronica: info@imagora.it o mediante cell. al numero 380 19 62 348.

Si rammenta che ogni partecipante dovrà essere autosufficiente per il viaggio di andata e ritorno e per il vitto. La partecipazione all’uscita sarà possibile solo mediante la firma di una liberatoria, poiché Imagorà si esonera da ogni responsabilità di danni fatti e/o subiti a cose e/o a persone per l’intera durata di tutte le escursioni.

Si esige, altresì, un comportamento civile e riguardoso verso la natura, la fauna e la flora dei luoghi visitati.

Uscite organizzate 2014!

Imagorà è lieta di annunciarvi l’organizzazione di due uscite escursionistico-fotografiche nella nostra bellissima terra di Calabria, ove tutti i partecipanti potranno scoprire e ammirare delle locations fantastiche da vivere e fotografare in compagnia.

In seguito, verranno proposte ulteriori mete da visitare e fotografare insieme ai soci e a tutti i volenterosi di partecipare.

Il calendario previsto è il seguente:

Le Castella - ©Giancarlo Parisi

Le Castella – ©Giancarlo Parisi

Domenica 1 giugno 2014 “Le Castella & dintorni” (una giornata, A/R con mezzi propri).

La località “Le Castella” è situata nel crotonese, con la sua meravigliosa baia e l’antica fortezza aragonese. La quota partecipativa per i non soci è pari a € 5.
Ovviamente la giornata prevederà anche la visita alle numerose altre attrattive del posto.

 

 

 

GOle del Raganello - ©Daniele Muscetta

Gole del Raganello – ©Daniele Muscetta

Nei giorni 17, 18 e 19 ottobre 2014 “Civita e le Gole del Raganello” (3 giorni con due pernottamenti. I costi e i modi di iscrizione e partecipazione verranno comunicati successivamente.

Il meraviglioso borgo di Civita è stato fondato nel 1467 da famiglie Albanesi sulle rovine di un abitato preesistente e situato su un altopiano a strapiombo nella La Valle del Raganello, una delle più famose grandiosità geologiche del Parco Nazionale del Pollino. Caotici massi, pareti levigate alte fino 700 metri, forme di erosione di qualsiasi tipo, scivoli, spumeggianti cascatelle: questo è lo spettacolo ciclopico offerto dal Canyon del Raganello.

Per questa fantastica escursione si consiglia d’indossare un abbigliamento comodo e adeguato alla location da visitare. Tuta, scarpe da tracking e zaini sono l’ideale per muoversi in libertà e in sicurezza.

I dettagli sui tempi e i modi d’iscrizione saranno comunicati successivamente.

Si rammenta che ogni partecipante dovrà essere autosufficiente per il viaggio di andata e ritorno e per il vitto. Il luogo e l’orario d’incontro per la partenza saranno comunicati nei rispettivi programmi delle uscite, in seguito pubblicati sul sito.

La partecipazione all’uscita sarà possibile solo mediante la firma di una liberatoria, poiché Imagorà si esonera da ogni responsabilità di danni fatti e/o subiti a cose e/o a persone per l’intera durata di tutte le escursioni.

Si esige altresì di tenere un comportamento civile e riguardoso verso la natura, la fauna e la flora dei luoghi visitati.

Anche Imagorà nella nuova Commissione Assessorile Turismo

20140324_183334Lunedì sera il Vicesindaco Giuseppe Saletta, accompagnato dal Consigliere Comunale Antonio Papalia, dal Dirigente Giovanni Parrello e dalla Segretaria Caterina Saffioti, ha conferito ufficialmente le deleghe componenti della prima Commissione Assessorile istituita dal Comune di Palmi.

Le commissioni assessorili sono previste dall’art. 40 dello statuto comunale, che consente agli assessori di avvalersi di questo strumento per farsi coadiuvare ed assistere nello svolgimento delle loro funzioni.

Alla neo-commissione è attribuita la funzione di promuovere la veste turistica del nostro comune, mediante l’elaborazione di progetti e di idee che possano rilanciare il nostro territorio, valorizzando gli aspetti territoriali, naturali, storici e sociali della nostra città. Attraverso il nuovo organo, inoltre, sarà ridotto il gap tra l’amministrazione e il cittadino, il quale avrà la possibilità di riferire direttamente ai membri della commissione per evidenziare criticità ovvero rappresentare idee e proposte.

I componenti della Commissione, che consta di dodici elementi, sono stati scelti sia in funzione delle loro specifiche competenze, sia dell’impegno più volte manifestato – anche attraverso le associazioni di cui fanno parte e/o che rappresentano – a favore della città e del territorio. L’incarico è assolutamente apolitico, non essendo prevista alcuna forma di remunerazione ed essendo revocabile in ogni momento.

20140324_190458L’Associazione Imagorà, sempre attenta al territorio ed alla sua valorizzazione anche in veste turistica, ancora una volta manifesta la sua presenza e vicinanza alle iniziative lodevoli e importanti. Il Presidente Dott. Giancarlo Parisi, infatti, ha accettato l’incarico che il Vicesindaco e Assessore Saletta ha voluto estendergli e farà parte della nuova commissione, che sarà così composta:

  1. BUDA GIUSEPPE
  2. CIMINO DARIA
  3. CRUCITTI BRUNO ROCCO
  4. DEODATO ROCCO
  5. FILIPPONE ROBERTO
  6. FRACCALVIERI FRANCESCO
  7. GAGLIOSTRO MARCO
  8. NAPOLI ANNAMARIA
  9. PARISI GIANCARLO,
  10. PARISI MARCO
  11. TOMASELLI ALESSIA
  12. VIOLI GIUSEPPINA

Da oggi, pertanto, Imagorà si porrà anche quale trait d’union con l’amministrazione per ciò che concerne il turismo e lo sviluppo del territorio, ed ogni cittadino potrà contattare il Presidente Parisi per rappresentare problematiche e formulare proposte attinenti all’oggetto della Commissione Assessorile.

Corso Fotografia 2014

locandina-2014Gentili soci e amici.
Dopo il successo riscosso nell’edizione 2012/2013, l’Associazione Fotografica Culturale Imagorà è lieta di presentare il nuovo Corso di Fotografia edizione 2014, che inizierà giorno 11 gennaio p.v.!

La precedente edizione del corso è stata per noi una sfida. Non sapevamo se il corso avrebbe funzionato, se le persone iscritte avrebbero trovato utili le lezioni e gradito i metodi di insegnamento. Il feedback è stato oltremodo positivo: oltre 18 iscritti e frequentanti effettivi, con i quali si è instaurato un sereno rapporto di insegnamento/apprendimento, ma anche una grande amicizia.

Rispetto allo scorso anno, grazie anche all’affermazione che Imagorà ha avuto sul territorio, abbiamo deciso di fare le cose in grande per l’edizione 2014 e proporre un corso altamente innovativo e ancora più completo nell’offerta didattica.
Il corso partirà sempre dalle basi, allo scopo di fornire a tutti i frequentanti gli strumenti necessari per conoscere e gestire la luce. Pur trattando compiutamente di tutti i rudimenti della fotografia, dedicando loro il giusto peso esplicativo, abbiamo ritenuto, tuttavia, eccessivamente riduttivo definirlo corso “Base”.

Siamo infatti convinti che si debba puntare sempre al miglioramento, e per questo ci siamo posti l’impegnativa sfida di arricchire ulteriormente l’offerta formativa. Per questo motivo saranno diversi i docenti che si occuperanno delle lezioni, dotati di specifiche competenze ed esperienze maturate nel corso degli anni. Alcune lezioni, inoltre, saranno tenute da elementi esterni all’Associazione, scelti in base a particolari esperienze in determinati settori.

Altra importante novità è la sede dei corsi. Al fine di garantire la migliore esperienza di apprendimento, abbiamo deciso di tenere i corsi presso la sala convegni del Grand Hotel Stella Maris. Ciò consentirà non soltanto di raggiungere facilmente la sede anche a chi dovesse venire da fuori, ma anche di usufruire di un’aula appositamente concepita per eventi di questo tipo.

Frequentare un corso di fotografia, di qualunque livello, consente di facilitare l’apprendimento della tecnica. Se è vero, infatti, che la fotografia è una forma d’arte è anche vero che per potersi esprimere artisticamente è necessario possedere la totale padronanza dei mezzi tecnici che la caratterizzano. Per superare un limite o infrangere una regola è necessario, anzitutto, rendersi conto della sua esistenza.

CONTENUTI E DURATA
Il corso prevede 13 lezioni complessive, 3 delle quali consistenti in sessioni fotografiche pratiche (le lezioni pratiche saranno fissate durante la durata del corso e realizzate di domenica).
Le lezioni si terranno il sabato pomeriggio dalle ore 17.00 alle ore 19.00.

Il corso è organizzato in modo tale da fornirvi tutte le nozioni tecniche di base, ma anche le nozioni più avanzate; il tutto in un arco di tempo che consenta, da un lato, l’assimilazione dei concetti, dall’altro lato, la possibilità di effettuare prove personali per mettere in pratica quanto appreso.

D’altra parte daremo la dovuta importanza anche al lato comunicativo della fotografia, atteso che essa è prima di tutto un linguaggio. In tal senso saranno curati gli aspetti della composizione e della narrazione per immagini, fornendo gli strumenti per affinare la propria capacità critica e per delineare un proprio stile.

Di seguito riportiamo le principali tematiche che saranno trattate in ordine cronologico (gli argomenti non coincidono con le lezioni)

1) Presentazione del corso e sguardo d’insieme
2) Luce e colore: interpretazione e gestione
3) La fotocamera
4) Le ottiche
5) Il corredo
6) La fotografia con il flash
7) La composizione (con riferimento a diversi generi fotografici)
8) Approfondimento dei macro-generi fotografici del PAESAGGIO, del RITRATTO
9) Approfondimento sulla fotografia notturna
10) Il racconto per immagini
11) Lettura delle immagini
12) Workflow: dallo scatto alla stampa
13) Post-produzione: etica e necessità

DOCENTI
Di seguito alcuni tra i fotografi che terranno le lezioni
Giancarlo Parisi – Presidente e fondatore di Imagorà (web)
Massimo Collini – Vicepresidente e fondatore di Imagorà (web)
Filippo Armonio – Fotografo naturalista e di paesaggio (web)
Massimo Tamborra – Fotografo poliedrico ed esperto di attrezzatura (web)
Daniele Riefolo – Fotografo Professionista (web)
Giuseppe Filice – Fotografo esperto di fotografia flash ed astrofotografia (web)

QUOTA DI ISCRIZIONE
Gli obiettivi che ci siamo proposti per questa edizione sono gravosi e le risorse da impiegare notevoli. Ciononostante, con un notevole sforzo organizzativo, abbiamo deciso di limitare la quota di iscrizione alla somma di € 120,00 a persona (solo 12 euro a lezione).
Sul punto vogliamo ricordare a tutti che l’attività di Imagorà è interamente autofinanziata e che gli introiti derivanti dalle attività a pagamento (come questo corso) non costituiscono un utile ripartibile tra i soci ma confluiscono direttamente nelle casse dell’Associazione, che li utilizzerà per la realizzazione di ulteriori progetti.

AL TERMINE DEL CORSO SARA’ RILASCIATO REGOLARE ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE.

Sono previste le seguenti agevolazioni:

  1. Soci ordinari di Imagorà usufruiranno di uno sconto del 12,5% sulla quota di iscrizione;
  2. I Soci sostenitori usufruiranno di uno sconto del 25% sulla quota di iscrizione

Le iscrizioni sono aperte fino a Martedì 7 gennaio 2014, compilando il Modulo di Iscrizione e consegnandolo all’amministrazione unitamente alla quota di partecipazione.

Il Modulo va scaricato compilato in ogni sua parte e consegnato all’Amministrazione di Imagorà insieme alla quota di iscrizione. La consegna può essere fatta presso lo Studio Legale Parisi (Palmi, via Cilea, 15 – h.9.30-11.30 – 16.30-18.30, dal lunedì al venerdì). In alternativa, in presenza di particolari esigenze, contattare l’Amministrazione al numero 380-19 62 348 per concordare tempi e modi di consegna.

Non perdere questa occasione e iscriviti subito!

Per ogni altra informazione vi invitiamo a contattare direttamente l’amministrazione.
Vi aspettiamo numerosi!

Imagorà a Palazzo Foti

Presentazione di Estremamente Calabria, Calendario 2014
a cura di Imagorà Fotografia

Reggio_calabria_palazzo_della_provinciaL’Amministrazione di Imagorà è lieta di annunciare che il prossimo 5 dicembre 2013, alle ore 10.30, si terrà la presentazione ufficiale di “Estremamente Calabria – calendario 2014” all’Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria.L’evento si terrà presso Palazzo Foti, Sala della Bliblioteca, a Reggio Calabria.

Siamo molto orgogliosi di questo evento, voluto fortemente sia dal vicepresidente del Consiglio Provinciale Giuseppe Saletta che dal consigliere comunale di Palmi Antonio Papalia, che sin da ora vorranno ricevere i ringraziamenti da parte di tutta Imagorà.

copertina

E’ gradita la presenza di tutti i soci ed i simpatizzanti di Imagorà alla presentazione del calendario. Non mancate!

Interverranno:
Giuseppe Raffa, Presidente della Provincia di Reggio Calabria
Giovanni Verduci, vicepresidente della Provincia
Giovanni Arruzzolo, Assessore provinciale
Antonio Eroi, Presidente del Consiglio Provinciale
Giuseppe Saletta, Vicepresidente del Consiglio Provinciale
Giovanni Barone, consigliere provinciale e Sindaco di Palmi
Giancarlo Parisi, Presidente dell’associazione Imagorà

Modera: Antonio Papalia, consigliere comunale di Palmi

LA SVEGLIETTA – di R.Mancini

 

SVELAUREA

Era la prima cosa, disfacendo la valigia di mio padre, che se ne tornava al suo posto di sempre in casa.

Lo avrà accompagnato in decine di viaggi di lavoro e, pur contando sulla sveglia del portiere, se ne sarà stata sempre su quei comodini di camere d’albergo a ricordare un pezzo di casa propria, un riferimento a ciò cui sei legato e vuoi tornare.

Ed il suo ticchettio, ricaricato a mano e in maniera metodica, avrà costituito un momento giornaliero di conclusione e nello stesso tempo di avvio alla prossima giornata di impegni prima del treno del ritorno.

Paffutella, quando chiusa, e foderata di una pelle spesso dai colori vivaci, un vero oggetto del modernariato che oggi si mostra non solo per un dichiarato “amarcord” d’altri tempi ma anche per un nemmeno tanto velato ritorno con la memoria a quando le cose andavano meglio.

 Poi la usai anch’io.

Con la fortuna di una università vicina, avevo sempre fatto il pendolare, partendo col buio da Palmi e vedendo albeggiare sul limpido mare della Costa Viola tra gli archi della galleria a mezza costa del Sant’Elia e giungendo a Messina già pervasa dai profumi delle caffetterie, della nafta portuale, delle carrozzelle alla stazione e del traffico sempre più caotico man mano che il primo mattino cedeva il passo al giorno pieno.

Lezioni, file di segreterie, statini da presentare, librerie e quant’altro mi facesse tornate a casa quasi distrutto, avvertendo già l’arrivo  fin da Bagnara quando le Bagnarote scaricavano le loro ceste dai vagoni e con queste sulla testa, in un equilibrio quasi da numero circense, con il sinuoso ondeggiare delle loro gonne si dirigevano al primo binario con me che avevo Palmi alla prossima fermata dopo cinque minuti e dopo gli archi della galleria del Sant’Elia che mi mostravano ora un mare  più imperlinato dai riflessi del primissimo pomeriggio.

Ma con una tesi da svolgere prevalentemente in Biblioteca, affinchè i termini usati da un poeta toscano  ritrovassero, nella pedissequa ricerca glottologica, le varie accezioni di significato e gli inserimenti nei versi poetici dei più grandi della poesia, be’ questa non era cosa da “pendolarismo”.

La stanzetta che con mio padre trovammo in una penzione dalle parti della Caronte, ebbe subito tra i suoi arredi familiari proprio questa sveglietta che scandì le mie giornate fuori e dentro casa nel cuore di un’estate meravigliosa per chi se ne stava a Palmi ma in cui di sera, per me,l’unico conforto era qualche buon film in una Arena, all’aperto appunto, con nell’aria i mille variegati profumi di una città portuale, con la sua nafta, le sue carrozzelle, le sue friggitorie della vicina Fiera ed un compito da portare a buon fine per me e soprattutto per i miei.

PUNTUALMENTE AD OGNI INIZIO D’ANNO SCOLASTICO – di R.Mancini

gi2

Scatola da sei o da dodici pastelli, o più semplicemente “colori”, come li chiamavamo noi ragazzini delle Elementari?

 Li userò davvero tutti e dodici o i sei, quelli essenziali ,di legno grezzo, ben usati e sapientemente incrociati con i “mozziconi” degli anni precedenti, basteranno anche oltre il necessario?

Mi occorrerà davvero un buon arancione quando so che  con il rosso e il giallo lo otterrò secondo la tonalità desiderata?

 E lo stesso per quel viola che mi verrà fuori meravigliosamente dall’unire, secondo la giusta pressione della mia mano, il rosso e il blu.

 E quella scatoletta di cartone leggero che li conteneva! Che bozzetto la scena del giovane Giotto che disegna su un masso un soggetto agreste mentre il suo maestro appare ammirato, come ci racconta il Vasari, anche per la perfezione di un cerchio eseguito dal ragazzo a mano libera, in maniera così perfetta da eguagliare quello tracciato da un compasso! Continua a leggere

UNA “FATA”…RACCONTA. – di R.Mancini

finalfata

Voi esseri umani mi fate spesso sorridere quando, a tutti i costi, volete spiegarvi il Fantastico, con le vostre indagini scientifiche!

Così, per esempio, non vi va giù che La Pizia dell’Oracolo sia veramente invasata dal dio Apollo: per voi si tratta di esalazioni del terreno vulcanico di Delfi che la mandano in estasi e volete che ogni cosa si spieghi rigosamente con la Ragione.

Per voi è un indice di rifrazione della luce del sole nell’aria a vari strati di temperatura e di minuscole goccioline di acqua rarefatta che fungono da lente di ingrandimento nelle torride giornate estive che causano quel particolare fenomeno che da me prende il nome, soprattutto nello Stretto di Messina e dalla costa reggina in particolare, per cui la sponda opposta risulti molto più vicina, quasi a potersi toccare con mano, di quanto non lo sia in realtà. Continua a leggere

PENNA E CALAMAIO – di R.Mancini

calam1

Ancora oggi, nelle classi delle nostre scuole è possibile vedere dei banchi con un foro circolare nella parte alta, in corrispondenza dell’incavo per adagiare penne o matite.
Avrà un diametro di circa sei, sette centimetri e avrebbe dovuto accogliere,ma la cosa non ebbe mai seguito da quei primi banchi biposto di legno scuro che qualcuno potrebbe anche ricordare, un piccolo calamaio nel quale l’inchiostro, una volta rabboccato dalla bidella da un grossso bottiglione nero, non si versava neppure estraendo l’oggetto e rivoltandolo.
 E’ rinverdito intanto in me, con frequenti ritorni, il piacere di utilizzare, ogni tanto, la mia penna a pennini di varia foggia da intingere, al bisogno, in una bottiglietta d’inchiostro, non certo quei calamai monumantali da scrivania importante, per ottenere quel particolare tratto ora sottile, ora più corposo, adatto alle varie occasioni e ai tipi di carta e cartoncini.
Volete mettere infatti degli auguri espressi su cartolina con una penna con pennino a flusso d’inchiostro regolabile secondo la pressione della mano con quelli trasmessi con la fredda linea blu di una Bic?  Continua a leggere